GATTILE

Piccola guida per chi vuole adottare un gatto

Adottare un gatto è una responsabilità e un impegno:

il gatto potrebbe sporcare, perdere peli, rovinare mobilio o tessuti e necessita di accudimento quotidiano. Per le assenze o le vacanze è necessario organizzarsi affinché qualcuno si occupi di lui.

Lui non conosce te e tu non conosci lui.

Dagli tutto il tempo di cui avrà bisogno, (e ogni gatto ha i suoi tempi), per abituarsi alla nuova sistemazione e capire che non ci sono minacce e pericoli. Per farlo il gatto ha bisogno di calma, tempo e un po’ di

solitudine per metabolizzare novità ed emozioni. La soluzione migliore in assoluto è riservargli, se disponibile, una stanza tranquilla in cui collocare una scatola di cartone, la cassetta con la sabbia, il tiragraffi, la cuccia, le ciotole e qualche giochino. Può anche andare bene il bagno, purché non sia quello dove entrano e escono gli abitanti della casa. In questo modo il gatto intimorito o timido avrà modo di abituarsi al nuovo ambiente. Quando arrivi a casa apri il trasportino e aspetta che sia lui ad uscire, non forzatelo. I primi giorni parla con un tono di voce calmo e tranquillo, piano piano sarà lui a strusciarsi contro le tue gambe, a ronronnare, ad annusare le tue mani, a chiedere le coccole. Quando vedi che si muove in scioltezza puoi lasciarlo girare per tutta la casa. A quel punto puoi anche poi spostare le ciotole, ecc.

Cosa preparare ?

La prima cosa da fare quando decidi di adottare un gatto è preparare la casa al suo arrivo. Devi procurarti:

  •  una cuccia con una calda coperta in modo da proporgli un luogo sicuro e confortevole in cui rilassarsi. Se anche poi preferirà le nostre gambe per accoccolarsi, avrà comunque il suo rifugio dove poter riposare; una scatola di cartone che utilizzerà come rifugio e per curiosare dentro;

  • ciotole per bere e per mangiare saranno tra le prime cose da preparare; 3 ciotole: o una per l’acqua (che va cambiata ogni giorno e pulita perché tende a lasciare delle tracce “grasse”); o una per l’umido; o una per le crocchette;

  • un tiragraffi, (meglio con una cuccia o un ripiano in alto) affinché il gatto abbia uno strumento idoneo su cui “farsi le unghie” e giocare, senza dover usare divani e tende; meglio uno alto, al gatto piace “controllare” la situazione dall’alto e sentirsi più sicuro;

  • la lettiera con la sabbia apposita dev’essere sistemata in un luogo facilmente accessibile per il gatto. La lettiera va posizionata lontana dal cibo e pulita almeno una volta al giorno. 

  • un pettine o una spazzola per togliere i peli;

  • qualche pallina o un piccolo topolino o altri giochi.

Alimentazione: 

E’ preferibile comperare cibo già confezionato che è equilibrato. Cibo fatto in casa: se vuoi cucinar tu il cibo, affidati al veterinario che ti prescriverà una dieta equilibrata. Il gatto in gattile mangia due volte al giorno: - mattino: umido - pomeriggio/sera (17 - 19): crocchette (un vasetto scarso di yogurt); puoi anche lasciare le crocche che non ha mangiato, ma attenzione che non ingrassi, perché il gatto tende a mangiare più volte durante il giorno e rischia l’obesità

In gattile il gatto mangia:

  • crocchette Purina One sterilised (trota, salmone, tacchino, manzo).  Variate l’acquisto del cibo, il gatto si stufa sovente dello stesso cibo; 

  • umido: scatolette Gourmet gold (mousse o straccetti), all’inizio non comperate tante scatole dello stesso tipo, provate e vedete cosa gradisce di più.

Alimenti da evitare :i residui del nostro cibo - salse - cibi salati - latte e latticini - cipolla, aglio, porro - limone, aceto - cioccolato, caramelle - frutta secca, uvetta - avocado - thè, caffè - uova crude - insaccati e salumi - funghi - carne e pesce crudo (se volete dare del pesce o carne, fatelo cuocere, senza sale) - no ossicini o lische di pesce - cibo del cane - il tonno confezionato in scatola per umani (al massimo quello al naturale)

Costi di gestione:

La gestione di un amico a quattro zampe, a seconda delle proprie caratteristiche e delle necessità, implica dei costi fissi, e anche qualcuno extra. Basti pensare alle visite dal veterinario di routine, alle quali si possono aggiungere quelle impreviste nel caso di un malessere improvviso. Cerca quindi capire se sei in grado di gestire economicamente l’arrivo di un gatto.

Veterinario:

Il gatto può vivere 15 – 20 anni, cura la sua salute e fagli fare una visita dal veterinario una volta all’anno per avere un animale sano

Altre informazioni utili da sapere:

Il gatto imparerà presto i tuoi orari e gli orari della pappa e si farà trovare davanti alla porta. Il suo modo per farti le coccole è strusciarsi contro le vostre gambe o contro il tuo viso quando lo prendi in braccio. Quando non vuole le coccole te lo farà sapere, allontanandosi o allontanando la vostra mano con una zampa.

Il gatto è un animale curioso e entrerà nella borsa della spesa che hai appena fatto, negli armadi, nei cassetti, nelle scatole di cartone. Il gatto non ama le porte chiuse, se vai in bagno ti seguirà.

Il gatto è un cacciatore e cercherà di prendere le mosche o si metterà sul davanzale o sul balcone e seguirà il volo di un uccello. Non preoccuparti se il tuo gatto miagola ed emette strani versi nel cuore della notte, È probabile che abbia portato con sé una qualche preda! Coloro che tengono animali che vivono prevalentemente all’esterno dovrebbero essere consapevoli del fatto che a questi piace di tanto in tanto portare a casa le loro prede (topolini, lucertole, uccellini ….). Le lasciano in corridoio come un regalo o le portano direttamente in camera da letto, per poter giocare un po’ con il povero animale magari ancora vivo. Anche i canarini e i pesci rossi possono finire preda di questo cacciatore a quattro zampe. Alcuni di loro servono la preda sullo zerbino, come fosse un regalo per te! Se vuoi adottare un gatto, devi accettare questa caratteristica tipica del tuo futuro coinquilino come parte della vostra convivenza.

Se hai aperto un armadio e poi esci subito di casa, controlla che il gatto non si sia nascosto o stia dormendo in mezzo alla biancheria (adora la biancheria pulita), alle borse, alle scarpe o ai giocattoli.

Il gatto ama farsi le unghie sui tessuti (divano …. ). Il gatto va quasi dappertutto e salta molto in alto. Non spaventarti se il tuo gatto va su di un armadio o in cima alla libreria.

IMPORTANTE!! Se hai un balcone, metti una rete in modo che possa guardare fuori ma non sporgersi, il gatto potrebbe essere tentato di camminare sul bordo. Se hai un mancorrente largo, coprilo con un tessuto in gomma, in modo che possa arrampicarsi con le unghie.

Il gatto perde peli. Molti peli. Restano sul divano, sui vestiti, sul letto, e così via. Hai bisogno di una buona spazzola per rimuovere i peli degli animali domestici. Con il tempo imparerai da solo quali tessuti attirano magicamente i peli di gatto. Per togliere i peli puoi usare un panno di microfibra bagnato.

Il gatto è un animale pulito, si lava da solo, evita i “bagnetti”, il gatto non ama bagnarsi o essere bagnato. 

Non ci resta che dire, se hai valutato bene e vuoi ancora aprire il tuo cuore ad un amico felino, allora compila il modulo adozione e vieni a conoscere i nostri gatti del gattile. Siamo sicuri che uno o una ruberà il tuo cuore!